recupero credenza totale

Mi capita spesso di andar per mercatini con le idee molto chiare sul tipo di oggetto che sto cercando e sono solitamente piuttosto rigida sul non divagare guardando altro; diciamo che nel corso degli anni ho adottato questo stratagemma per non prosciugare le finanze e riempire la casa di mobiletti certamente interessanti ma anche ingombranti.

credenza primaIl giorno in cui ho trovato questa vecchia credenza ero in cerca di una scaffalatura e di un tavolino, ma appena l’ho intravista, stretta com’era tra mille altri mobili, me ne sono subito innamorata: in quell’istante ho deciso di rivoluzionare tutto il mio living e di farne la protagonista assoluta. Senza pensarci troppo l’ho acquistata e portata a casa. Certo sapevo che non avrei avuto tempo nei mesi successivi per un cambiamento così radicale ma la cosa veramente importante era renderla mia. Ha atteso, questa paziente credenza, ben 13 mesi prima che potessi metterci mano, ma ora che la guardo imponente e sobria al centro del mio rinnovato soggiorno penso con grande soddisfazione di aver fatto la scelta giusta!

 

credenza evidenza

 

Dopo mesi di attesa in un capannone la fase della pulizia non è stata semplice: togliendo strati e strati di polvere sono emerse parti molto rovinate, scollate, angoli mancanti e assi con lunghe fessurazioni ma neppure un buco di tarlo! 

credenza step

 

 

Ho ricostruito le parti mancanti, riassestato angoli e giunzioni, sostituito chiodi arrugginiti e sporgenti e chiuso voragini tra le assi… e poi finalmente ho cominciato a dipingerla…

 

 

Avendo due pesti in casa che non hanno alcun riguardo per mobili pareti ed oggetti, ho deciso di assecondare la naturale storia di questo mobile e quindi non nascondere ma anzi evidenziare ogni sua singola imperfezione, ammaccatura e piccola crepa, certa che i miei figli avrebbero poi contribuito ad ampliare le sue già numerose “rughe d’espressione”.

credenza dentro

Per l’esterno ho scelto una calda tonalità di grigio chiaro, contrapposto al marrone scuro fondente che emerge dalle imperfezioni e riveste anche l’interno della parte chiusa inferiore. Come in tutti i miei lavori, ho utilizzato esclusivamente vernici all’acqua prive di composti volatili nocivi, dedicando attenzione anche alla salute dell’ambiente casa oltre che alla sua bellezza.

credenza ferramenta

Ho recuperato e scelto di conservare anche la ferramenta originale, a mio avviso particolare e molto bella, integrata laddove mancante.

 

 

Come preannunciato nel titolo, questo lavoro ha dato origine a tutta una serie di cambiamenti nel mio living, stravolto nei colori e nel mobilio, a partire dalla parete retrostante la credenza che ho dipinto con un particolare verde scuro, quasi verde salvia… 😉 ma qui stiamo già entrando nell’argomento del prossimo post!

 

credenza stucco
particolare del fianco durante il lavoro di recupero
credenza angolo
particolare del fianco dopo il lavoro di recupero
credenza vetrina
dettagli dell’interno delle vetrine superiori

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *